Dolce

Risvegli lenti.

La mia settimana non inizia quasi mai il lunedì. Mi affaccio ad essa con ritardo e lentezza. Nulla di ciò è voluto, ma ho dei tempi che spesso non collimano con quelli altrui. Mi serve tempo per togliermi di dosso la salsedine, mescolata ad un pizzico di malinconia. Ci metto un pó a togliere dai piatti il profumo del mare e far riemergere quello quotidiano di sempre. A metter via il mio cappello di paglia, la mia polaroid, il mio pareo e vestir panni normali.
Ci vuole tutto un giorno, per riavvolgere il nastro e capire ciò di cui ho bisogno per star bene. Per accendere i fornelli e sorridere, scegliere con cura gli ingredienti e le ricette da preparare. I libri da leggere (cucina, narrativa, letteratura), la musica da ascoltare.
Più o meno comincio così. Anzi, forse realmente non inizio mai, perché poi si presentano mille imprevisti ed i miei piani vanno in fumo. Alla fine mollo tutto, agisco d’impulso ed ogni cosa si capovolge. Ed in fondo è bello così. Quando da una cosa semplice ne viene fuori una altrettanto meravigliosa. Come questa ricetta, fatta in un momento di tranquillità, senza pensieri, senza pensare.
Per questo non so fornirvi dosi esatte, in futuro ci lavorerò e magari vi dirò, ma al momento vi dó gli ingredienti.

Cosa occorre
Uova
Zucchero
Burro
Latte
Farina
Lievito
Per guarnire…
Gelato all’amarena
Frutti di bosco
Come si preparano…
In una ciotola sbattete uova e zucchero fino a formare un composto chiaro e spumoso. Aggiungete poco alla volta il latte, il lievito e la farina e continuate a mescolare. Infine, fate sciogliete del burro, lasciate che si freddi un pó e versatelo poi nel composto. Mettete a scaldare la piastra per i waffles e aiutandovi con un piccolo mestolo versate poco alla volta l’impasto. Io ho lasciato che cuocessero 3 minuti e decorato con gelato e frutti di bosco.

image 
image
image 
image 
image 
image 

10 thoughts on “Risvegli lenti.

  1. L’estate è la mia stagione. Ci sono nata, in questo periodo. Sono cresciuta col blu del mare negli occhi e da quel blu non riesco a staccarmi. Chi conosce il mare, chi ci cresce col suo profumo, ne porta dietro i ritmi; l’alternarsi lento delle onde, il loro infrangersi sugli scogli, diventano parte di noi. La salsedine tra i capelli, sulla pelle, è quel segno particolare che ti contraddistingue. D’estate la lentezza è d’obbligo, la leggerezza anche, nei pensieri, nel cuore. I cappelli di paglia diventano come cilindri di un mago.. e ci tiri fuori piccoli tesori, come questi waffles, che senza dosi possono diventare nuovi ogni volta, ogni volta un po’ diversi, ogni volta una nuova magia. Felice di aver trovato il tuo angolino. Ci tornerò ogni volta pet sentire il profumo del mare.

    Mi piace

  2. L’estate è la mia stagione. Ci sono nata, in questo periodo. Sono cresciuta col blu del mare negli occhi e da quel blu non riesco a staccarmi. Chi conosce il mare, chi ci cresce col suo profumo, ne porta dietro i ritmi; l’alternarsi lento delle onde, il loro infrangersi sugli scogli, diventano parte di noi. La salsedine tra i capelli, sulla pelle, è quel segno particolare che ti contraddistingue. D’estate la lentezza è d’obbligo, la leggerezza anche, nei pensieri, nel cuore. I cappelli di paglia diventano come cilindri di un mago, da cui tirare fuori piccoli tesori, come questi waffles, che senza dosi possono diventare nuovi ogni volta, ogni volta diversi, ogni volta una nuova magia. Felice di aver trovato il tuo angolino. Ci tornerò ogni volta che avrò voglia di sentire il profumo del mare.

    Liked by 1 persona

    1. Paola felice di trovare te in questo angolo di mondo che seppur piccolo è mio compagno di viaggio. E tu sei la benvenuta. Possiamo sentir insieme il suono del mare tutte le volte che lo vorrai. Potremmo lasciar che ci culli, che ci accarezzi durante il giorno. Lasciare che il vento soffi una leggera brezza e provar ad afferrare attimi di luce che scaldano il cuore. Si. Mi ci vedo proprio in giorni lenti che profumano di mare, in conchiglie raccolta a riempire le tasche e attendere la fine di un giorno che odora d’estate. Grazie immensamente della tua visita.

      Mi piace

  3. Bello arrivare subito dopo Paola, che è un’amica con cui sto condividendo vari sogni in questo periodo… 🙂
    I risvegli lenti, eccoli… d’estate sono ancora più lenti, più pigri, più sottovoce. E io li vedo color panna e un po’ dorati, attraverso la tenda…
    Il mare è ancora lontano, ma voglio sedermi presto su uno dei lettini della tua foto su Instagram, imparando a dosare la distanza, più degli ingredienti… guardando dritta il sole, ma a occhi chiusi, per immaginare meglio tutto quello che l’estate porterà…
    Il gelato viola è splendido! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. È una scoperta anche per me Paola, come del resto lo sei pure tu. Trovare persone così gradevoli, piene di entusiasmo in grado di poter capire ciò che sento quando preparo qualcosa è indescrivibile! Ed è bello osservarvi perché avete esperienza, competenze e capacità, e si vede.
      Magari ti regalo un pezzo del mio mare tutte le volte che posso ed ogni volta che tu vorrai potrai sederti su una di quelle sdraio.
      Ti ci vedo sai a godere del sole, aspettar magari il tramonto per poi far ritorno.
      Chissà cosa porterà questa nuova stagione…
      Non ho resistito quando l’ho visto! Buon lunedì Franci😘

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...