Un sapore chiamato Vanini, e i muffin al cioccolato e mele.

Stamattina, quando ho aperto le finestre della camera, il vento forte si è scaraventato su di me come fosse un uragano. Sono giorni che la pioggia battente scivola sui vetri, mentre la luce resta nascosta tra le pieghe di nuvole non più passeggere. Sono giorni bui dove perfino il tempo sembra rallentare e scandire lentamente…

Il sapore del lunedì, e i baci di dama con crema alle nocciole.

I lunedì di un tempo raccontavano di mattine al mercato e di borse di lino beige piene di prodotti, per riempire il frigo e la dispensa per l’intera settimana. Rievocavano i gesti semplici, come quelli di un taccuino dove annotare tutto, dove le parole si poggiavano sulle righe di percorsi inesplorati. Narravano di frammenti, sogni…

Uno spazio vostro nel mio blog, e una torta alle rose.

Era venerdì. Forse pioveva e l’aria iniziava a profumare d’autunno. Era un pomeriggio qualsiasi diviso fra lavoro e pensieri. E a quest’ultimi, come è mio solito fare presto (quasi) sempre ascolto.  Mi capita spesso di ripensare agli inizi. E non parlo in generale, ma nello specifico degli esordi legati a questo mondo: il blog, i…

La sensibilità q.b, e un plumcake alle pere e cioccolato.

Ci si riscopre sensibili. O forse lo si è sempre stati pur convincendosi del contrario. L’aereo che mi porta a casa, nella mia Sicilia a godere ancora del caldo e dell’azzurro del mare, mi lascia il tempo per pensare e scrivere. Accanto a me delle ragazze, probabilmente pallavoliste, bellissime e grintose si danno consigli sui…

Achille e Matisse, e una torta d’avena alle ciliegie e mandorle.

Gli ultimi post parlano delle mie abitudini, di quello che quotidianamente mi circonda rendendomi felice. Vi ho raccontato la mia cucina, i profumi che l’avvolgono e i sapori che impreziosiscono un piatto. Di come gli ingredienti vengono scelti, accolti e portati a casa e quanto rispettarne la stagionalità sia importante non solo per coglierne la…

Il piacere di cucinare, e una (finta) “pizza” fruit Tart.

Cucino tutti i giorni. Un tempo era qualcosa che svolgevo solo quando il tempo libero me lo permetteva o quando la pigrizia non prendeva il sopravvento. Era uno di quei rituali che tenevo per me dentro le quattro mura di casa, dove il silenzio regnava e il profumo degli ingredienti mi teneva compagnia. Mi piaceva…

I racconti in cucina, e una gallette alle fragole e lavanda.

Mi piace così. Dopo una giornata fatta di corse, di respiri interrotti, di parole lasciate dentro al cassetto e di numeri accatastati nella moleskine, mi piace arrivare a casa ritrovare le mie cose e cercare tra pensieri che siano solo miei. Mi rivedo nel silenzio della mia cucina, seduta sulla mia poltrona rètro, a immaginare…

Firenze, il mio workshop e, una crostata con marmellata di mandarini.

È già trascorsa una settimana dal soggiorno fiorentino. Conservo ancora dentro l’entusiasmo di una bambina, la gioia di aver incontrato delle persone meravigliose e la pienezza di aver condiviso con loro un’esperienza straordinaria. Avevo la sensazione mi mancasse qualcosa, poco prima del viaggio, senza sapere davvero cosa fosse. Ho custodito per me la possibilità che…

I libri che amo, e i miei cookies al cioccolato.

Le serate, quando il lavoro non si prolunga oltre il dovuto, mi piace trascorrerle a casa, distesa sul mio lettone e attorniata da libri di cucina. In genere, mi lascio guidare dal nome o perfino dalla copertina, lasciando al contenuto il riserbo di rivelarsi un’incredibile sorpresa. Mi piace sfogliarli prima di addormentarmi, prendo appunti lasciando…